/ conserve & marmellate / Cetrioli in agrodolce

Cetrioli in agrodolce

cetrioli in agrodolce

I cetrioli in agrodolce sono una conserva vegetariana molto buona, dal sapore particolare. Sono facili da realizzare ed economici, come la maggior parte delle conserve, se si utilizzano ingredienti di stagione (in questo caso tra giugno e ottobre). Ormai la mia trasformazione in Nonna Papera è in fase avanzata e non perdo occasione di preparare primizie dell’orto in barattolo, nella nostra cucina, infatti, c’è uno stipetto tutto pieno di deliziosi vasetti colorati e quando lo apro è una soddisfazione! Tornando ai cetrioli in agrodolce, in Germania ne avevo mangiati di buonissimi e non erano i soliti cetriolini, ma fettine di cetrioli con del pepe in grani e semi di senape. Googolando un po’ per cercare suggerimenti (in tedesco!?!) e seguendo le indicazioni dell’agrodolce di mia suocera, poi un pizzico di questo e un po’ di peperoncino ed ecco la ricetta dei cetrioli all’eceto in agrodolce. Ormai la preparo da alcuni anni e persino mia suocera mi ha chiesto la ricetta…

pronto in 40 minuti
difficoltà semplice
2 vasetti da 500 g
calorie per 100 g 22

ingredienti

  • 1 kg di cetrioli
  • 500 ml di aceto di vino bianco (o di mele)
  • 500 ml di acqua
  • 2 cucchiai di sale grosso + qb
  • 2 cucchiai di zucchero (meglio se di canna)
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 peperoncino
  • 10 g di grani di pepe misti (oppure solo pepe nero)
  • semi di senape qb

serviranno inoltre…

  • vasetti per conserve (ad esempio due da 500 ml oppure tre da 250-300 ml)
  • pressini in plastica per conserve (uno per ogni vasetto)

preparazione

Come è buona abitudine, prima di iniziare una ricetta, prepara tutti gli ingredienti necessari per i cetrioli in agrodolce sul piano di lavoro. Pesa i cetrioli, misura acqua e aceto, zucchero, sale grosso e i grani di pepe; prendi aglio, peperoncino e i semi di sesamo. Tieni a portata di mano anche gli utensili di cui avrai bisogno: tagliere, coltello e spelucchino, una pentola media, una ciotola grande e altre ciotoline, i vasetti per le conserve (con il pressino in plastica), una pentola grande per sterilizzarli e un panno pulito.

cetrioli in agrodolce - ingredienti con peperoncino

Lava i cetrioli senza sbucciarli e asciugali accuratamente. Taglia una estremità di 3-4 centimetri e attenzione-attenzione un trucchetto segretissimo per preparare al meglio il cetriolo agrodolce in esclusiva su chiccacook: strofina le due superfici tagliate con movimenti circolari, in questo modo si formerà una schiumetta bianca che va lavata via (oppure tenuta da parte e fatta mangiare all’odiosa/o di turno). Si deve fare la stessa cosa dall’altro lato. Dopodiché affetta il cetriolo a fettine di tre-quattro millimetri e raccoglile in una ciotola.

Perché questa strana operazione con le estremità del cetriolo? I cetrioli contengono molta acqua di vegetazione soprattutto nella buccia che è amarognola, in questo modo si leva molto del gusto amaro 

cetrioli in agrodolce - affetta il cetriolo per prepararlo in agrodolce

La prossima cosa da fare per conservare cetrioli in agrodolce perfetti è di cospargere con del sale grosso qb (circa tre pizzichi abbondanti) le fettine di cetriolo e mescolare. Trasferisci poi il mix in uno scolapasta e lascia riposare per una decina di minuti.

cetrioli in agrodolce - conservare i cetrioli in agrodolce con sale grosso

Nel frattempo sterilizza i vasetti per i cetrioli in agrodolce. Lava i vasetti con tutti gli altri componenti e sciacquali bene, dovranno risultare perfettamente puliti. In una pentola grande e con i bordi alti, metti dentro vasetti, coperchi, pressini ed eventuali guarnizioni; riempila d’acqua fredda in modo da coprire tutto. Porta a bollore e lascia in immersione per almeno 20 minuti. Poi chiudi il fuoco e togli tutto con una pinzetta perché scottano! Metti i vasetti a scolare rovesciati su un panno asciutto e pulito, fai asciugare anche le altre cose. Dopo qualche minuto gira i vasetti con l’apertura rivolta verso l’alto in modo da far evaporare l’acqua che si deposita dentro.

Pressino che? È quell’aggeggio di plastica rotondo e piatto con i dentoni da vampiro in basso a sinistra della foto. Serve per tenere pressato il prodotto dentro il vasetto e lo trovo molto utile nelle conserve perché ha la funzione di fermaprodotto, in modo da garantire che i cetrioli restino sotto il liquido agrodolce

cetrioli in agrodolce - sterilizza i vasetti e falli asciugare

In una pentola metti lo zucchero (in questa ricetta ho usato quello di canna) e il sale (ho messo sale rosa perché questo sale colorato lega bene con le verdure e dà un aroma particolare, ma quello bianco va bene uguale). Aggiungi l’aceto e l’acqua poi mescola, metti sul fuoco e porta a bollore  un paio di minuti, in modo da far sciogliere sale e zucchero. Versa il condimento all’aceto per i cetrioli in agrodolce in una caraffa/bicchierone (possibilmente di vetro) e lascia intiepidire appena (giusto per non scottarsi).

cetrioli in agrodolce - condimento con aceto, sale e zucchero

Contemporaneamente sciacqua accuratamente le fettine di cetriolo sotto l’acqua corrente e lasciale asciugare bene sopra della carta da cucina. Taglia il peperoncino e l’aglio a fettine piuttosto sottili e avvicinati la ciotolina con i grani di pepe e i semi di sesamo. Prendi i vasetti sterilizzati e componi gli strati dei cetrioli in agrodolce da conservare: fettine di cetriolo a giro leggermente sovrapposti, un paio di fettine di aglio, del peperoncino, un pizzico di grani di pepe e dei semi di senape…

cetrioli in agrodolce da conservare - componi gli strati

… così fino a quando non si saranno esauriti tutti gli ingredienti. Ogni tanto pressa un po’ con delicatezza e arriva a due-tre centimetri dal bordo, senza mai superare il collo del vasetto. A questo punto versa lo sciroppo agrodolce caldo nel barattolo (se è necessario riscaldalo) e infila il pressino con i denti rivolti in alto, premendo leggermente. Controlla che il livello del liquido copra perfettamente i cetrioli in agrodolce e che non ci siano bolle d’aria. Questa cosa è molto importante nelle conserve perché serve a non far rovinare il prodotto. Dopodiché chiudi il tappo lasciando dentro il pressino. Naturalmente lo sciroppo non ci starà tutto, ne avanzerà, quindi regolatevi a seconda dei vasetti, mantenendo sempre le proporzioni indicate nella ricetta; io preferisco farne sempre un litro per stare sicura. Chiudi subito e capovolgi i barattoli per creare il sottovuoto. Dopo qualche ora gira il vasetto dei cetrioli in agrodolce, controlla se il sottovuoto è andato a buon fine: per i vasetti con i tappi basta controllare che la parte centrale non faccia click clack se la spingi verso il basso e nota se si è creata una fossetta; per quelli con la guarnizione prova a slacciare la linguetta di metallo e se resta chiuso è tutto ok. No? niente paura! Nella pentola usata prima per sterilizzare inserisci i vasetti dritti e coprili di almeno 5 centimetri con l’acqua fredda; porta a bollore e da quando inizia a fare le bollone calcola una ventina di minuti. Se non ci vanno tutti procedi un po’ per volta. Dopodiché spegni il fuoco e lascia raffreddare, togli i vasetti di conserva dall’acqua e lascia riposare una notte. Conserva i cetrioli in agrodolce in dispensa, meglio se in un luogo fresco e buio, e lascia insaporire almeno un mese prima di consumarli.

Se non si ama il gusto piccante del peperoncino o se li dovranno mangiare anche i bambini si può omettere questo ingrediente e magari sostituirlo con dei semi di finocchio

cetrioli in agrodolce - conserve con peperoncino e tutti gli ingredienti

a tavola

cetrioli in agrodolce - ricetta finale

Dopo un mese i cetrioli in agrodolce sono pronti per essere gustati come antipasto, contorno, per l’aperitivo o come ingrediente per altre ricette. Sono ottimi con formaggio caprino e crostini oppure come componente fondamentale nel panino dell’hamburger. Mi diverte tantissimo sfruttare così i prodotti di stagione perché sono a buon mercato, genuini (soprattutto se provengono dal vostro orto o da quello di qualcuno di fiducia), ci si può sbizzarrire a preparare sapori insoliti che è improbabile trovare sullo scaffale di un supermercato e poi ho scoperto che realizzarle è rilassante. La ricetta di questa conserva è molto slow dalla preparazione al risultato finale! Etichetta i vasetti con data di preparazione e ingredienti, è molto utile per ricordare il periodo di consumo e anche se si vuole fare un regalo.

Come la maggior parte delle conserve fatte in casa i cetrioli in agrodolce, se ben tenuti, si mantengono per un anno. Una volta aperto il vasetto meglio tenerlo in frigo per 3-4 settimane, facendo attenzione che il liquido agrodolce copra le fettine di cetriolo. Naturalmente si deve tenere in considerazione che le conserve sono soggette a muffe/botulino/ecc, è una buona regola che al primo segno di una non perfetta conservazione, o peggio contaminazione, si deve buttare via tutto!

musica

Atmosfere country stile Nonna Papera con la radiolina in cucina mentre si preparano i cetrioli in agrodolce, le note che escono sono quelle di I Walk The Line, di Johnny Cash.

41 LASCIA UN COMMENTO
Vota la ricetta
Cetrioli in agrodolce
4.5 (90%) 12 votes

Send Us A Message Here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

41 Commenti
  • 4 luglio 2017

    Quest’anno ho fatto l’orto e quando saranno pronti li proverò a fare!😊

    Giovanna
    Rispondi
  • 14 settembre 2016

    li faccio sicuramente …….GRAZIE .

    ELSA GUIDUCCI
    Rispondi
    • 18 dicembre 2016

      grazie mille a te, fammi sapere se ti sono piaciuti 🙂

      Rispondi
  • 16 agosto 2016

    Domani mi sbizzarisco, preparazione di cetrioli in agrodolce. Poi vi faccio sapere

    Antonella
    Rispondi
  • 14 agosto 2016

    Buonissimi!!!! Me li sto mangiando tutti da sola!!

    I
    Rispondi
    • 18 dicembre 2016

      ciao, succede anche a meeee, meno male che hanno poche calorie ahahahah

      Rispondi
  • 6 agosto 2015

    e1 ci voglio provare, grazie

    anna mattalia
    Rispondi
  • 21 luglio 2015

    ho una 15 di cetrioli da far fuori e adoro quelli sott’aceto. proverò sicuramente nei prossimi giorni.

    alessia
    Rispondi
    • 23 luglio 2015

      fammi sapere come vengono e se ti piacciono, grazie di essere passata 🙂

      Rispondi
  • 9 settembre 2014

    veramente sfiziosa questa ricetta dei cetrioli in agrodolce…sono veramente buoni specialmente se messi in un’insalata di riso ai frutti di mare…

    franca
    Rispondi
    • 24 settembre 2014

      mmm… bella idea 🙂 ciao e grazie

      Rispondi
  • 31 agosto 2014

    Ciao cercavo proprio una ricetta x i cetrioli!. Mia mamma lava bene i vasi prima, poi li riempie ed infine ci versa dentro l’agrodolce bollente e dopo aver chiuso i vasi li capovolge. Ho visto che si crea comunque il sottovuoto, pensi possa andare bene? Nei vasi resta comunque un po’ d’aria, giusto? Grazie per i consigli !

    carmen
    Rispondi
    • 7 settembre 2014

      Sì certo che va bene. L’importante è creare il sottovuoto, se non riesce capovolgendo il vasetto lo si può sempre fare in pentola. Invece per l’aria sì, qualche piccola bollicina resta sempre. Baci e a presto 🙂

      Rispondi
  • 6 agosto 2014

    Grazie mille per questa ricetta, il mio orto abbonda di cetrioli e davvero sarebbe un peccato buttarli, domani mi metto all’opera!!
    Ciao!
    lolle

    Rispondi
    • 9 agosto 2014

      grazie a te, fammi sapere se ti sono piaciuti 🙂

      Rispondi
      • 10 luglio 2015

        Non te l’ho più detto ma mi sono piaciuti moltissimo e quest’anno li preparo di nuovo!!!

        lolle
        Rispondi
  • 1 agosto 2014

    Aiuto!!!!!!!!… Quindici giorni fa ho fatto quattro vasetti di cetrioli in agrodolce, ma non li ho strizzati per una mia svista della ricetta. Cosa devo fare? Vorrei sapere se sterilizzarli oggi é possibile o sarebbe meglio buttare via tutto.
    Grazie infinite per la risposta che attendo con ansia.

    Mina
    Rispondi
    • 2 agosto 2014

      Ciao, sterilizzarli adesso non credo serva a molto, magari consumali in fretta. Prima però controlla che i vasetti dei cetrioli in agrodolce non abbiano subito muffe, strani odori, ecc, altrimenti sì, butta via subito. Baci

      Rispondi
  • 8 luglio 2014

    Ho eseguito proprio oggi la tua ricetta con i cetrioli in agrodolce ma infine versando lo sciroppo me ne è avanzato più di metà. Pensandoci bene in 2 vasetti da 500 gr entra giusto 1 litro di liquido. ma come hai fatto a farci entrare anche 1 kg di cetrioli? E poi semi di senape o semi di sesamo? Perché sotto la foto della pentola hai scritto sesamo. Rispondimi presto se puoi, grazie

    elisabetta
    Rispondi
    • 14 luglio 2014

      ciao, scusa per il ritardo ma in questi giorni ho avuto un matrimonio in famiglia e ho trascurato un po’ il blog…
      1. sì sono sempre semi di senape (non di sesamo ho sbagliato a scrivere, grazie ho corretto)
      2. nei vasetti devono stare prima i cetrioli, poi si riempie con lo sciroppo necessario e sì ne avanzerà usando gli ingredienti indicati in questa ricetta, ma io preferisco farne sempre un litro per stare sicura; se vuoi puoi preparare meno sciroppo mantenendo le proporzioni indicate
      grazie

      Rispondi
      • 23 luglio 2014

        ciao chicca ai qualche consiglio per conservare anche le zucchine grazie mille

        giulia
        Rispondi
        • 2 agosto 2014

          ciao, potresti conservarle grigliate come ho fatto in questa ricetta con le melanzane, seguendo lo stesso procedimento http://www.chiccacook.it/crudo-cotto/conserve-marmellate/melanzane-grigliate-sott-olio/
          Mi raccomando non tagliarle molto sottili, presto spero di riuscire a postare nuove ricette di conserve, baci

          Rispondi
        • 17 agosto 2017

          Ciao li sto facendo proprio adesso seguendo la tua ricetta! Hi un problema di calcare. Nello sterilizzare i barattoli infatti si è creata un importante patina. Come procedo? Grazie attendo info

          Rosy Costanzo
          Rispondi
          • 13 settembre 2017

            ciao, e sì hai un grosso problema di calcare e la patina bianca non va bene. La sterilizzazione dei vasetti va fatta bene. L’unico consiglio che posso darti è di procurarti dell’acqua poco calcarea, baci

    • 7 settembre 2015

      Ciao! a me è successo esattamente l’opposto! ho seguito tutto pari pari alla lettera (solo che ne ho fatti 3 kg in una volta!) e triplicando la dose dell’aceto (3 kg cetrioli + 1500 ml aceto + 1500 ml acqua eccetera) ho dovuto fermarmi a metà perchè ero rimasta senza liquido e si che ho pressato!

      eLENA
      Rispondi
  • 2 febbraio 2014

    ciao volevo fare questa ricetta e volevo sapere se si posso usare cetrioli interi magari di piccole dimensioni invece di farli a fatte?

    rebecca
    Rispondi
    • 25 febbraio 2014

      sì certo, puoi utilizzare i cetrioli più piccolini, solo andrebbero scottati un minutino nel mix di aceto che poi userai per conservare i cetrioli in agrodolce; grazie

      Rispondi
  • 7 ottobre 2013

    Ciao, volevo un chiarimento ma i 500 ml di acqua vanno aggiunti all’aceto per fare il liquido agrodolce? Grazie fatemi sapere

    Simona
    Rispondi
    • 8 ottobre 2013

      ehm bella domanda! sì l’acqua va aggiunta all’aceto per preparare il liquido agrodolce. grazie mille dell’attenta osservazione, baci e a presto 🙂

      Rispondi
  • Pingback:Settembre, andiamo. É tempo di…..CONSERVARE!!!! | Nigella non si tocca!

  • 24 settembre 2013

    Bellissima ricetta….proprio oggi ho ricevuto in dono dall’orto un paio di cetrioli e la voglio subito provare! Grazie

    Rispondi
    • 30 settembre 2013

      Grazie a te. Sperimento questa ricetta da anni e spero piaccia anche a te. Ciao 🙂

      Rispondi
  • 13 agosto 2013

    E dove li trovo i semi di senape? Se non li trovo con che cosa li sostituisco?

    Marta
    Rispondi
    • 14 agosto 2013

      ciao, i semi di senape li compro al supermercato ed è facile trovarli in quelli delle grandi catene di distribuzione oppure prova nei negozi etnici o in erboristeria. se non li trovi sostituiscili con dei semi di finocchio. a presto

      Rispondi
  • 13 agosto 2013

    È vero anchio li ho assaggiati in Germania, erano senza peperoncino e con un’erbeta simile alla barba dei finocchi. Mi hai convinto e li preparo. Ti faccio sapere 🙂

    Valentina
    Rispondi
    • 14 agosto 2013

      ciao vale, forse era aneto. se prepari i cetrioli in agrodolce fammi sapere. buona conserva

      Rispondi