AGENDA
Le ricette di chiccacook

Le trofie sono un formato di pasta fatta in casa tipica della Liguria, un vero e proprio simbolo gastronomico. Negli anni le trofie liguri hanno riscosso molto successo e sono state prodotte anche a livello industriale, diffuse quindi in tutto il resto d’Italia. La forma è arricciata, sottile e allungata, simile a un truciolo di legno, secondo la ricetta originale, le trofie fatte a mano sono una pasta fresca preparata con farina di semola di grano duro, acqua e sale. Il matrimonio con il pesto genovese (per la ricetta clicca qui) è inossidabile, secondo l’autentica tradizione ligure è arricchito con fagiolini e patate.

Non solo pesto, si possono condire con pomodoro e basilico, ragù, sughi profumati e verdure fresche di stagione. In Liguria sono insuperabili nella preparazione delle trofie fatte a mano, le nostre magari non saranno perfette, ma un tentativo vale la pena farlo. Soprattutto le prime saranno un po’ lontane dalla forma tradizionale, bisogna solo allenarsi e le nostre trofie saranno all’altezza della tradizione artigianale.

preparation icon chiccacook - Trofie
PREPARAZIONE
1 ora circa
icon riposo - Trofie
RIPOSO
15-20 minuti
DIFFICULTIES icon chiccacook - Trofie
DIFFICOLTÀ
semplice
icona primo piatto - Trofie
PER
2 persone
INGREDIENTS icon chiccacook - Trofie

INGREDIENTI

– 200 g di semola di grano duro rimacinata

– 100 ml di acqua tiepida

– un pizzico di sale fino

trofie - ingredienti
DIRECTIONS icon chiccacook - Trofie

PREPARAZIONE

Porta sul piano di lavoro gli ingredienti per preparare le trofie fatte in casa: semola di grano dura rimacinata di buona qualità, acqua tiepida, ma non bollente, del sale fino.

Gli utensili: bilancia, misurino, ciotole e ciotoline, spatola o tarocco, coltello con la punta rotonda e la spianatoia, sarebbe ideale usarne una di legno; un canovaccio o della pellicola trasparente.

trofie - versa gli ingredienti in una ciotola

In una ciotola unisci la semola e un pizzico di sale. Al centro fai un incavo e versa a filo l’acqua tiepida incorporandola man mano.

trofie - trasferisci sulla spianatoia

Trasferisci il composto grossolano della pasta fresca sulla spianatoia.

trofie - lavora per 10 minuti

Lavora l’impasto delle trofie energicamente, allungandolo e ripiegandolo più volte, per almeno 10 minuti, fino a quando diventerà liscio, elastico e omogeneo.

trofie - a riposo

Forma un panetto e copri con un canovaccio oppure della pellicola trasparente. Lascia riposare il panetto delle trofie a temperatura ambiente per 15-20 minuti. Dopodiché taglia un pezzetto di impasto…

trofie - forma un salsicciotto

… e fallo rotolare sulla spianatoia con le mani aperte, forma un bastoncino di mezzo centimetro di spessore.

trofie - taglia

Taglia il bastoncino a pezzetti lunghi mezzo centimetro.

trofie - strascina

Prendi un pezzetto di pasta striscialo sulla spianatoia o tra le mani per appiattirlo e allungarlo.

trofie - dai la tipica forma

Con il coltello striscia premendo leggermente e fai arricciare.

rofie - eccola!

La pasta risulterà attorcigliata, le punte più strette rispetto alla parte centrale e lunga circa tre centimetri. Procedi così e prepara tutte le trofie fatte a mano, le prime non saranno perfette, man mano risulteranno esteticamente più belle.

Cuoci le trofie in abbondante acqua salata bollente, alla ripresa del bollore calcola cinque minuti.

a tavola icon chiccacook - Trofie

A TAVOLA

trofie - cucinale e condiscile

Rustiche e saporite, le nostre trofie fatte a mano raccoglieranno il condimento e ci regaleranno un gustoso primo piatto della tradizione. Il condimento classico ligure è con il famoso pesto genovese, poi ci sono i vari ragù di carne, salsiccia, cinghiale, ecc, un semplice pomodoro e basilico, di ricette se ne possono creare tantissime, da quelle più tradizionali a quelle più fantasiose.

Le trofie fatte in casa si conservano facendole seccare a temperatura ambiente e poi vanno messe nei sacchetti di carta per un mese, ma solo se sono state essiccate completamente e a regola d’arte, altrimenti lasciale in frigorifero e consumale entro un paio di giorni.

Si possono anche congelate, disponi le trofie su un vassoio e mettile nel congelatore per un paio d’ore, dopodiché trasferiscile nei sacchetti gelo indicando data di preparazione e peso, così si conserveranno per due mesi. Al momento di usarle tuffale nell’acqua bollente ancora congelate e cuoci come di consueto.

Leggi di più
Condividi