AGENDA
Le ricette di chiccacook

Crocette di fichi secchi

Le crocette di fichi secchi sono un modo goloso per conservare tutto l’anno questo delizioso frutto estivo. Sono una ricetta dell’antica tradizione calabrese e il nome crocetta deriva dal modo di sistemare i fichi, sovrapposti in modo da formare una croce, tra le metà che si uniscono si mette un golosissimo ripieno di gherigli di noce (o altra frutta secca a piacere).

Questi fichi secchi ripieni arricchiscono le tavole con le dolci fragranze delle cose buone di una volta. La preparazione delle crocette di fichi secchi è semplice e si conservano a lungo, il solo profumo è irresistibile…

PREPARAZIONE
40 minuti circa
COTTURA
30 minuti
DIFFICOLTÀ
semplice
PER
14 crocette di fichi secchi

INGREDIENTI

– 1 kg di fichi secchi
– 80-100 g di gherigli di noci
– qualche foglia di alloro

PREPARAZIONE

Per la preparazione delle crocette di fichi secchi bastano pochi e semplici ingredienti, tutti sistemati sul piano di lavoro: i fichi secchi e le noci. Non dimenticate gli utensili necessari per la realizzazione della ricetta.

Il primo passo è quello di schiacciare le noci. Ricava 80-100 grammi di gherigli e mettili in una ciotolina, per la preparazione delle crocette di fichi secchi andranno benissimo, anche se la quantità può variare a seconda dei gusti.

Una variante altrettanto buona è la preparazione delle crocette di fichi secchi con il ripieno di mandorle o scorzette d’arancia e mandarini candite

Lavora con le dita i fichi secchi per ammorbidirli un po’. Dopodiché poggiali su un piano di lavoro e appiattiscili leggermente, taglia in due con un coltellino affilato fino ad arrivare al picciolo che dovrà restare appiccicato, in modo che il frutto resti unito. Apri il fico a libro e ripeti l’operazione con tutti gli altri.

Per formare una crocetta serviranno quattro fichi, quindi la prima fase è di prendere due frutti aperti e incrociarli, con la parte del picciolo centrale. Appiattisci un po’.

Seleziona quattro fichi più o meno della stessa dimensione in modo da creare una crocetta perfetta

Metti su ognuno dei quattro lati un gheriglio di noce (o mezzo gheriglio, riempi a seconda dei gusti e della dimensione del fico).

Copri con gli altri due fichi, in modo da creare un incrocio. Prima chiudi coprendolo il fico in basso…

… poi l’altro, in modo da formare la crocetta. Appiattisci leggermente le estremità con i polpastrelli. Ripeti i quattro passi precedenti fino a creare tutte le crocette di fichi secchi con gli ingredienti a disposizione.

Ora che tutte le crocette sono formate, pressa per bene in modo da sigillare le estremità e farle combaciare perfettamente prima di metterle in forno.

Riempi una ciotola di acqua a temperatura ambiente e immergi le crocette di fichi secchi per qualche secondo, sgocciola e sistema su una teglia foderata con della carta da forno.

COTTURA

Inforna a 160 gradi per una decina di minuti, fino a quando non assumeranno un colorito bruno-dorato. Mia suocera mi ha consigliato di infornare le crocette di fichi secchi con delle foglioline di alloro perché danno profumo. È un consiglio che ho fatto mio, infatti uso questo ingrediente in questa preparazione, ma se non si hanno foglie di alloro a portata di mano se ne può fare a meno…

Le foglie di alloro si possono sostituire con un pezzetto di cannella o una scorza d’arancia, delizioso profumo assicurato!

A TAVOLA

Una volta raffreddate conserva le crocette di fichi secchi a strati in una scatola di latta o di cartone, in un contenitore con la chiusura ermetica oppure in un cestino di vimini, con intorno le foglie di alloro che daranno un ulteriore profumo. Lascia comunque le crocette di fichi secchi in un luogo fresco, asciutto e lontano da fonti di calore, in questo modo si conserveranno per diversi mesi, anche se a casa mia non superano mai la primavera! Sono ideali da servire a fine pasto accompagnate da un amaro di Calabria o un ottimo passito di Pantelleria.

I fichi secchi ripieni di noci si possono imbottire anche singolarmente, senza formare la classica crocetta. In questo modo si mangiano in un boccone solo!

Ultimi commenti
  • Profumo della mia tenera e prima età . Ogni volta che la mia nonna calabrese veniva a Bruxelles , ci portava le Crocette .
    Che delizia….
    In febbraio 2018 ritorna a Cosenza per la 1a volta dal 1971 e vorrei trovare un negozio dove trovare le Crocette

LASCIA UN COMMENTO