AGENDA
Le ricette di chiccacook

Come abbinare grappa e cioccolato

OVVERO COME CONCEDERSI UN DOPOCENA UNICO E VANTARSI CON GLI AMICI DELL’ESPERIENZA SENSORIALE PERFETTA

Il cioccolato si accompagna a tutta la produzione alcolica che c’è nei “peggiori bar di Caracas” o nell’angolo bar di casa nostra. Grappa, rum, cognac, brandy, gin, vodka, whisky o whiskey, ma anche nocino, assenzio, pálinka e latte di suocera, l’importante è farlo nel giusto modo. Stavolta concentriamoci sull’abbinamento grappa e cioccolato, come farli incontrare al meglio. Di rum e latte di suocera ne parleremo un’altra volta.

Per farlo in modo elegante e ricercato dobbiamo sapere un po’ di cose sia sulla grappa sia sul cioccolato. Su mondograppa c’è un interessante viaggio in questo mondo, ne consiglio la lettura perché sull’argomento sono fornite spiegazioni approfondite, curiosità, zone di produzione, senza troppi tecnicismi.

Di sicuro la grappa è “un’acquavite di vinaccia ricavata da uve prodotte e vinificate esclusivamente in Italia, distillata in Italia”, un patrimonio tutto nostro quindi.

abbinare-grappa-cioccolato

Possono essere distinte in base all’affinamento e alle lavorazioni successive alla distillazione. Molto semplicemente una grappa è…

GIOVANE se dopo la distillazione della vinaccia il breve riposo avverrà in contenitori di vetro o acciaio, senza l’affinamento in botti di legno. Ha un profumo delicato, fruttato e tutti gli aromi derivano dal vitigno di origine, questo tipo di grappa è caratterizzata da un gusto secco e pulito. È detta AROMATICA quando deriva da uve particolarmente aromatiche come Brachetto e Moscato.

BARRICATA se è fatta riposare in caratteristiche botti di legno, le barriques, di dimensioni ridotte con precise regolamentazioni su materiale e molto altro, per un periodo di almeno 12 mesi. Il gusto delle grappe barricate è fortemente caratterizzato dal legno della barriques, con aromi morbidi, rotondi e percezioni di vaniglia, frutta secca, legno, tabacco e affumicato.

Se la grappa è fatta invecchiare in botti di legno per 12-18 mesi, ma con altre caratteristiche e dimensioni, è semplicemente INVECCHIATA. Superati i 18 mesi si può usare la denominazione RISERVA o STRAVECCHIA, caratterizzata da un gusto morbido e delicato di tabacco, mandorla e spezie.

AROMATIZZATA se fatta macerare con frutta, erbe o radici. Molto apprezzate sono quelle alle pere, pino mugo, ginepro, liquirizia.

cioccolata-da-abbinare-a-grappa-e-distillati

Ora che ne sappiamo un po’ di più sulla grappa parliamo di come abbinarla al cibo degli dèi. Cioccolato fondente, al latte, bianco, modicano, possibilmente artigianale e sicuramente di buona qualità. Per una degustazione perfetta si sorseggia un po’ di grappa nel bicchiere a tulipano, si assaggia un pezzetto di cioccolato che si lascia sciogliere in bocca, che si ripulisce con dell’altra grappa.

Il CIOCCOLATO FONDENTE è robusto, poco grasso, dove si sente il cacao tostato, con percentuali dal 70% al 99% per i più temerari. Si abbina perfettamente con grappa giovane e secca, avremo stimoli sensoriali gradevoli con profumi e sapori netti che insieme non si scontreranno.

Con il CIOCCOLATO AL LATTE avremo una nota maggiore di zucchero e grasso del burro di cacao. Una grappa aromatica come quella di Moscato o di Brachetto, ad esempio, aggiungerà altre note, come agrumi o rosa, completando il gusto.

Il CIOCCOLATO BIANCO che è ottenuto con il burro di cacao (e non con la fava), latte e zucchero, è molto grasso e pastoso. Qui si ci abbina bene una grappa aromatizzata, come su una tela immacolata si creano quadri con sapori sempre nuovi e unici. Essendo anche una grappa giovane e secca, ammorbidisce e sgrassa la bocca.

Per il CIOCCOLATO DI MODICA, friabile, profumato, dove lo zucchero non si scioglie del tutto e resta cristallizzato, creiamo un’esplosione di gusto con una grappa barricata o una stravecchia. I due sapori si bilanciano morso dopo sorso. Con una modicana artigianale e una buona grappa barricata, questo sì che è fare l’amore con il sapore!

Un’esperienza da non perdere è con il cioccolato di Modica al fior di sale, un turbinio di sapori che si divide tra il dolce, l’amaro e il salato.

L’abbraccio tra cioccolato e grappa è da approfondire con vari abbinamenti, da affinare man mano con i propri gusti. La degustazione può partire!

Post Tags
Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT