AGENDA
Le ricette di chiccacook

Come riconoscere la mozzarella di bufala campana DOP

Mozzarella di Bufala Campana DOP: tutto sulla regina dei formaggi

La mozzarella di bufala campana DOP è il formaggio a pasta filata per eccellenza. Dalle origini antiche quanto torbide, la perla del Mezzogiorno affonda le sue radici in un passato fatto di tradizione.

Oggi quelle stesse tecniche e le stesse procedure sono state codificate e rese ripetibili. La mozzarella di Bufala Campana DOP diventa un’eccellenza italiana nel mondo in grado di soddisfare ogni palato.

La troviamo in caseificio, al supermercato, al ristorante. La mozzarella di bufala Campana DOP è perfetta per pietanze fresche o ricette raffinate. Vediamo insieme tutto quello che devi sapere sulla regina dei formaggi a pasta filata.

vera-mozzarella-di-bufala-campana-DOP.jpg

MOZZARELLA DI BUFALA STORIA E ORIGINI

Le origini della mozzarella risalgono ai tempi dei Normanni o almeno questa è una delle ipotesi. Un’altra teoria è quella che vede i Longobardi portare le bufale in Italia. Invece, c’è chi sostiene che le bufale siano state condotte in Sicilia dagli Arabi.

Ad ogni modo, nonostante le ipotesi sulle origini della mozzarella di bufala siano ormai perdute nella notte dei tempi resta una certezza. La bontà dell’eccellenza documentata per la prima volta tra il XII e il XIII. Ovvero, quando le bufale hanno iniziato a vivere nel sud Italia e, in particolare, nelle paludi.

Le bufale sono animali molto resistenti che amano l’acqua alla follia. Non a caso ci sono regole ferree sul modo in cui devono essere allevate. Lo regolamenta il Disciplinare della Mozzarella di Bufala Campana DOP di cui parleremo nei paragrafi a seguire.

Ora torniamo al formaggio a pasta filata più amato al mondo.

MOZZARELLA DI BUFALA CALORIE E VALORI NUTRIZIONALI

La Mozzarella di Bufala Campana DOP è un concentrato di energia, vitamine e proteine. Anche se l’apporto calorico ci può sembrare elevato in realtà è facile da digerire. Ciò grazie anche a una minore percentuale di lattosio. Pertanto, ti basteranno circa 20 minuti di corsetta per smaltire 100 grammi di questo formaggio.

Facciamo brevemente il punto della situazione. Per 100 g di prodotto ci sono i seguenti valori nutrizionali elencati in tabella:

Per essere sicuri di non farci ingannare dalle imitazioni dobbiamo sapere come riconoscere la perla del meridione. Infatti, il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP ha realizzato un Disciplinare e dei simboli ben riconoscibili sulla bustina.

COME RICONOSCERE LA MOZZARELLA DI BUFALA CAMPANA DOP

Bisogna sapere, infatti, che chi cerca di imitare l’inimitabile può incorrere in sanzioni. Le “bufale” sono sempre dietro l’angolo e sta a noi prima di tutto saper riconoscere chi ci vuole frodare.

Partiamo dalla confezione. Il DOP è ben riconoscibile perché chi ha ottenuto il marchio ci tiene a far vedere che tutte le durissime regole sono state rispettate. Il colore, la forma, la posizione del marchio sono regolamentate dal Disciplinare, che recita:

“Il prodotto a denominazione di origine “Mozzarella di bufala Campana” è immesso al consumo munito di un apposito contrassegno apposto sul relativo confezionamento, recante il simbolo visivo…”.

Riportiamo in seguito il simbolo con la testa di bufala e il marchio DOP. Si ricorda che se non vengono rispettate tutte le norme disposte dal Disciplinare chi commercializza il prodotto è passibile di denuncia.

Dunque, il consumatore deve sapere, ad esempio, che l’etichetta deve recare la dicitura “Mozzarella di bufala Campana”, immediatamente seguita dalla menzione “denominazione di origine” oppure “denominazione di origine protetta”. Questo aspetto è importantissimo soprattutto nel momento in cui decidi di acquistarla online. In questo caso, un esempio del Dop italiano per eccellenza lo trovi proprio, sul sito della Mozzarella di Bufala Campana Collebianco che come tantissimi altri caseifici rispetta tali requisiti dalla produzione fino al confezionamento.

mozzarella-di-bufala-campana-loghi

MOZZARELLA DI BUFALA IN GRAVIDANZA SÌ O NO?

Passiamo adesso a un argomento delicato, ma dolce. Come quello delle future mamme che al giorno d’oggi seguono delle diete specifiche. Infatti, ci sono tanti alimenti vietati durante la gravidanza. Ad esempio, i salumi, i formaggi molli, lo zabaglione.

Tra i tanti alimenti vietati in gravidanza, però, non c’è la mozzarella di bufala campana DOP. Ciò perché il latte viene pastorizzato e, dunque, uccide tutti i batteri dannosi per l’organismo. E per le future mamme.

Ma passiamo ai palati di tutti. Come possiamo realizzare ricette sfiziose con la regina delle mozzarelle?

RICETTE CON MOZZARELLA DI BUFALA

Le ricette con mozzarella di bufala sono davvero numerose e incredibilmente gustose. Cotte e crude le mozzarelle sanno sempre come soddisfare il palato di tutti.

Noi consigliamo sempre di utilizzare la perla del meridione per pietanze fresche. Tuttavia, anche quelle al forno meritano la nostra attenzione.

Iniziamo dalle ricette non cotte come la caprese, con i pomodorini tagliati a fettine, l’origano e un filo di olio extravergine di oliva. È un buon esempio perché possiamo coniugare questa ricetta in molteplici varianti e forme. Ti piacciono gli spiedini di mozzarella con i datterini? Preferisci un antipasto al cucchiaio? Sbizzarrisciti!

Passiamo ora alle ricette cotte al forno. Uno degli esempi più buoni è la pizza. Ti sta già venendo l’acquolina in bocca? A noi sì: la pizza bianca o rossa con le bufaline intere sono una delizia troppo intensa a cui resistere.

E tu? Quale ricetta preferisci: cruda o cotta?

Nessun commento

Sorry, the comment form is closed at this time.